Nonostante le rassicuranti parole del governatore della Banque du Liban Riad Salamé ieri sulla solidità del settore bancario, un nuovo rapporto pubblicato da Standard & Poors getta il freddo con stime di sconti che raggiungono oltre il 100% del PIL prima di qualsiasi svalutazione ufficiale della sterlina libanese contro il dollaro.

Questa ristrutturazione e sconto delle attività delle banche libanesi potrebbe raggiungere anche il 134% del PIL nel 2021, stimano gli autori del rapporto che accusano le autorità monetarie di aver fatto assumere tali perdite ai depositanti e non agli azionisti delle banche tramite la circolare 154 che ha chiesto un aumento dei fondi propri degli enti.

Il rapporto ricorda che il 60% degli attivi delle banche è investito sotto forma di certificati di deposito investiti con la Banque du Liban e l’11% sotto forma di eurobond e buoni del tesoro libanesi.

Inoltre, la stessa BdL possiede il 44% del debito pubblico e il 26% dei debiti bancari.

Elemento chiave della relazione, il costo della ristrutturazione potrebbe superare il 100% del PIL, nel peggiore dei casi il 134%.

Vengono così evocati tre scenari, con un costo che va dal 30% al 134% del PIL e i rispettivi impatti sui depositi della clientela che potrebbero comportare scarti dal 4% al 63%. Si noti che secondo i 3 scenari, i fondi propri delle banche alla fine sono tutti esauriti, impedendo una ripresa dell’economia libanese.

Si vous avez trouvé une coquille ou une typo, veuillez nous en informer en sélectionnant le texte en question et en appuyant sur Ctrl + Entrée . Cette fonctionnalité est disponible uniquement sur un ordinateur.

Cette publication est également disponible en : Français English العربية Deutsch Español Հայերեն